Il mio primo Sinclair QL

Gli anni ’80 possono essere ricordati, tranquillamente, per le “musicassette” che, a tutti gli effetti, sono state le chiavi per aprire il mondo conosciuto e quello conoscibile.

Credo di essermi sentito un pirata per la prima volta, dopo aver duplicato della musica da una cassetta originale a una vergine o, come molti altri, dopo aver registrato dei pezzi col miscrofono direttamente dalla radio per poi riprodurli e diffonderli (anche se quest’attività la facevo già da qualche anno prima, con la trasmissione “Pop-Off” che andava in onda dopo le 21 sul secondo canale della Rai) .

Poi mi sentivo un vero e proprio hacker quando duplicavo una cassetta per un datasette.

Insomma le musicassette stavano dappertutto: nelle case, nelle auto, in giro nei walkman e io ne avevo la stanza piena fino al soffitto. Fu, probabilmente, questa la ragione che mi spinse ad avvicinarmi al QL, l’ultimo prodotto di casa Sinclair (CPU Motorola 68008 a 7.5 MHz e 128k di RAM). Perchè QL, oltre al suo Qdos multitasking e al suo SuperBasic, utilizzava dei mini supporti di memorizzazione magnetici, i ZX Microdrive, sui quali girava anche una suite office di serie (word processor, foglio di calcolo, database e grafica) sviluppati dalla Psion.  Altra novità erano le due porte QLAN che permettevano di creare una rete di QL e/o Spectrum a 100 Kbaud.

In sostanza Sinclair cercava di intromettersi in un mercato ancora fortemente diviso tra computer home e sistemi professionali, facendo da cerniera tra i due mondi.

Le cose, però, non andarono proprio nel modo sperato: il periodo fu infelice a causa dell’uscita di Macintosh 128k e della fretta che ebbe la Sinclair nel lanciare il QL prima di Apple. Forse proprio quella fretta fece partorire un prodotto con diversi difetti sia nell’hardware che nel software.

Quei mini supporti magnetici, poi, si rivelarono poco affidabili e poco capienti (100 Kb) e il Qdos fu costretto a un numero imprecisato di patch. Anche la compatibilità con gli altri prodotti della stessa casa andò a farsi benedire, mentre sul mercato si affacciavano macchine con architetture più performanti.

Insomma nel giro di qualche anno, con l’acquisizione d Sinclair da parte di Amstrad, il QL esce completamente di scena e io invece ci continuai a lavorarci, giocarci per quanto possibile; anzi grazie a quel QL sviluppai una passione che porto ancora dentro.

Poi come fai a non commuoverti davanti a una coriacea community che è attiva ancora oggi.

It's only fair to share...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr